Osimo, veterinario ucciso.

Collaboratore portato in carcere

fonte ANSA
Collaboratore interrogato per tutta la notte ora è nel carcere di Montacuto.

E' stato ritrovato a 150 metri il grosso coltello che si ritiene sia l'arma con cui è stato ucciso il veterinario. Si ritiene che Valerio Andreucci, 23 anni, avrebbe ucciso ieri mattina il veterinario Olindo Pinciaroli, 54 anni. L'arma insanguinata è ora sottoposta agli accertamenti per rilevare le impronte digitali. I carabinieri hanno trovato il giovane poco dopo l'omicidio accucciato in un fossato in stato semiconfusionale. Andreucci ha tentato di descrivere una finta rapina ad opera di quattro sconosciuti, ma durante l'interrogatorio notturno nella caserma dell'Arma a Osimo si è più volte contraddetto. Non ha tuttavia confessato. L'interrogatorio è terminato alle 5 del mattino. Il corpo di Pinciaroli presenta diverse ferite al torace e alla gola; l'autopsia dirà la dinamica e quale colpo è stato fatale. Il pm Marco Pucilli ha disposto la convalida del fermo a carico del giovane. L'ipotesi di reato è omicidio volontario, senza premeditazione. Ancora sconosciuto il movente. Dopo il delitto Andreucci avrebbe inventato l'assalto di un commando di 4 rapinatori lungo la via Chiaravallese.
Durante il lungo interrogatorio i carabinieri hanno raccolto elementi in base ai quali il pm ha disposto il fermo per gravi e concordanti indizi di colpevolezza.

Mahè Mengarelli

Categoria:

Regione: